people discuss about graphs and rates


L’ufficio è il luogo in cui spendiamo la maggior parte delle nostre giornate. In media
trascorriamo nello stesso luogo almeno otto ore al giorno per cinque giorni a settimane.
Sembrano tante (e in effetti lo sono) ma sappiamo tutti che una volta varcata la porta
dell’ufficio, si entra in un loop di commissioni, consegne e riunioni che fanno sì che il tempo
voli in un attimo.
Nella frenesia della giornata lavorativa tipo ci si dimentica di dare una pulizia agli spazi di
lavoro. Ed è in questo modo che il nostro spazio di lavoro diventa l’ambiente perfetto per la
proliferazione di germi e batteri. Oggi più che mai sappiamo che la pulizia è fondamentale in
qualsiasi ambiente e che in assenza di essa si possono contrarre virus e malattie.

In questo articolo andiamo a vedere gli ambienti più contaminati dell’ufficio e come pulirli. Lo
facciamo con l’intento di spronare te e qualsiasi altro lavoratore/lavoratrice a mantenere un
minimo di pulizia in ufficio. Ne va della salute tua e del prossimo.
La scrivania
La scrivania è il nostro ambiente più privato ed è proprio quello in cui si annida la maggior
parte dei germi. E pensare che nelle giornate più impegnate ci mangiamo anche il pranzo!
Quando lo facciamo, senza esserne consapevoli, rendiamo la nostra postazione ancora più
sporca. Non sto parlando solo dei residui del panino tra i tasti del computer, ma del fatto che
le particelle di cibo favoriscono la formazione di germi. Un consiglio utile sarebbe quello di evitare di mangiare alla scrivania.

Parlando di tastiera e di mouse, può essere utile sapere che questi possono ospitare fino a 7500 germi, ossia una quantità di batteri 400 volte maggiore rispetto a un gabinetto pulito.

Un dato scioccante, vero? Eppure è proprio così. Bisognerebbe pulire e disinfettare sia le mani che i dispositivi elettronici con gli appositi prodotti.
Altro diffusore di germi sempre presente sulla nostra scrivania è sicuramente il cellulare. I nostri smartphone sono i dispositivi più sporchi in assoluto. Li usiamo in continuazione, toccandoli con le nostre dita dopo
averle passate su mille superfici diverse e senza averle lavate.
Un consiglio spassionato, che vale non solo nelle ore lavorative, ma come regola generale, è quello di mantenere lo schermo del cellulare pulito e di
disinfettare e pulire le mani quando possibile.

Altra abitudine da evitare è quella di appoggiare la borsa sulla scrivania. Il fondo della borsa, che portiamo con noi ovunque e laviamo solo una volta ogni tanto, è ricco di germi.
Pensa a tutte le volte che l’hai appoggiata a terra, persino in bagno!
Gli spazi in condivisione con i colleghi
Se sull’igiene della nostra postazione possiamo avere un minimo di controllo, la stessa cosa non possiamo fare sugli spazi condivisi.

Pensiamo ad esempio al frigorifero, in cui diversi lavoratori inseriscono il proprio pranzo una volta arrivati in ufficio.
Ecco, un comune frigorifero può arrivare a contenere quasi 8000
colonie di germi per centimetro quadrato. Questo succede, ovviamente, se non si mantiene
una pulizia regolare del frigorifero, che andrebbe fatta a giorni alterni. Non ci vuole molto,
basta usare un po’ di detergente per disinfettare un frigorifero.
Restando in cucina, anche la macchinetta del caffè o delle merendine rappresenta un ottimo luogo di proliferazione di batteri.
I pulsanti vengono, infatti, toccati da tutti i lavoratori
che difficilmente si disinfettano le mani prima. Lo stesso identico problema si presenta con le maniglie delle porte e con i tasti dell’ascensore.
La soluzione è sempre la stessa: lavarsi le mani e igienizzare le superfici con regolarità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
Ciao! come posso aiutarti?